corviale calciosociale - buone notizie

Ragazzi salvati dallo sport

Storie di ragazzi di periferia

Nel palazzone degradato di Corviale si trova “il Serpentone”, un fabbricato di cemento che ospita circa 6000 persone, alla cui ombra è nato un progetto per tirar via dalla strada i ragazzi del quartiere.

Il progetto si chiama “Calciosociale” ed è finanziato da fondazione Laureus Italia Onlus, che si impegna a sostenere i minori in condizioni di forte deprivazione economica e sociale nelle periferie di Milano, Napoli e Roma dal 2005, coinvolgendo fino a oggi 5mila bambini.

A Corviale seguiamo adolescenti e preadolescenti con famiglie problematiche – spiega Gabriele Manca, psicologo e tutor del progetto – imparano il rispetto delle regole e del prossimo, in un quartiere dove la dispersione scolastica è diffusissima: qui si abbandona anche alle elementari”. “Il rischio è uscire da sistema educativo, quindi l’esclusione sociale – sottolinea Massimo Vallati, presidente di Calciosociale – con tutte le conseguenze che questo comporta. Spesso questi ragazzi hanno solo bisogno di essere ascoltati. Devono imparare a pensare che il degrado non è la normalita”. “Se non ci fosse questo campo finirebbero a spacciare e a delinquere – aggiunge Fabio, De Luca, l’allenatore – sono ragazzini impulsivi, credono poco in se stessi, devono capire come gestire la rabbia. Li aiutiamo a fare questo, diamo la possibilità di vedere la vita da un’altra prospettiva”. 

Il motto è “Vince solo chi custodisce”, chi aiuta il compagno a fare un gol, un assist, chi lo aiuta a prender fiducia in se stesso.

Nel quartiere ci sono molti giovani che vivono in contesti familiari problematici con gravi problemi economici e con un rischio di abbandono scolastico molto alto. Grazie al progetto Calciosociale questi ragazzi imparano il rispetto delle regole e del prossimo.

“Se non ci fosse questo campo finirebbero a spacciare e a delinquere – aggiunge Fabio, De Luca, l’allenatore – sono ragazzini impulsivi, credono poco in se stessi, devono capire come gestire la rabbia. Li aiutiamo a fare questo, diamo la possibilità di vedere la vita da un’altra prospettiva”.  

Calciosociale è una nuova tipologia di calcio: aperta a tutti e basata su regole volutamente reinterpretate e fuori dalla logica comune e dallo straordinario impatto sociale. L’obiettivo è creare un modello di società più giusto e coeso trasformando i campi di calcio in palestre di vita dove l’integrazione avviene quando le persone disagiate entrano a diretto contatto con persone normodotate.

Questa è la grande novità del Calciosociale oggetto di studio e analisi da parte diimportanti operatori del settore sanitario.

  • Ad arbitrare sono i capitani;  
  • un giocatore non può segnare più di tre gol a partita;
  • le squadre sono miste.

Sono solo alcune delle regole speciali del torneo e il miracolo è che funziona: per chi lo pratica, il Calciosociale non è solo un modello di gioco, ma diventa uno stile di vita improntato ai valori dell’accoglienza, della giustizia e dell’amore per se stessi e per l’altro, che viene visto come “dono”.

Qui i ragazzi imparano che il degrado non è normalità.

Fonte Repubblica; Calciosociale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter